LA PIU' SOTTILE CASA DEL MONDO: Fare di necessità virtù

A Varsavia, in Poloni , era collocato uno spazio tra gli edifici del civico 22 e 74, in Via Chlodna Zelazna. Jakub Szczesny dello studio di architettura Centrala, ha pensato bene fosse il luogo ideale per creare qualcosa di unico in quello spazio così angusto e ha elaborato l'idea di un progetto a metà tra l'intervento architettonico e l'installazione artistica dal nome Keret House.


Sarà l'abitazione più stretta di Varsavia, con gli interni che misureranno tra i 122 centimetri e 72 centimetri nel punto più stretto e diventerà un luogo di lavoro: per l'esattezza ospiterà lo scrittore israeliano . Inoltre svolgerà anche la funzione di studio per gli ospiti invitati. 
Strutturalmente la casa è un semplice telaio in acciaio sviluppato tridimensionalmente, rifinito con legno compensato, pannelli isolanti e polistirolo, coperto con uno strato in cemento interamente dipinto di bianco. Tecnologia indipendente, elettricità fornita da un edificio vicino e scale che si appiattiscono con un comando remoto per concedere maggiore spazio quando si accede ai diversi locali. La sarà anche un simbolo di come Varsavia ambisce ad essere crocevia e città privilegiata da chiunque voglia sviluppare le sue intuizioni creative.




Nonostante le sue dimensioni in miniatura, si riesce ad avere una camera da letto, un bagno e una cucina. La luce penetra attraverso la plastica, tetto semi-trasparente da far sembrare lo spazio lo spazio più grande da quello che è realmente.








Nessun commento:

Posta un commento